sabato 29 dicembre 2007

Dini e i suoi ricatti..

Carissimi lettori...
Nei giorni scorsi oltre ad ever trascorso in armonia il nostro Santo Natale abbiamo avuto la prova che la politica italiana in certi suoi ranghi vive solamente di ricatti e di interessi personali.
La prova lampante e' la figura o meglio figurina del Senatore Lamberto Dini.
Già nelle settimane precedenti al periodo natalizio, il buon Senatore insieme alla sua allegra compagnia ha dato sfogo verbale alla futura caduta del governo Prodi...
Ma cosa sta spingendo questo signorotto ad accollarsi cosi' tanta responsabilità a far cadere un governo eletto democraticamente da milioni di italiani?
Beh, la risposta la si puo' tranquillamente trovare all'interno della sua reggia...
Mi spiego meglio: la Signora Dini nei giorni scorsi è stata condannata a 2 anni e 4 mesi per bancarotta fraudolenta ma tale pena è stata automaticamente sospesa a causa dell'indulto.
Il buon Lamberto credeva che la sua dolce mogliettina potesse sfuggire a qualsiasi condanna essendo lui stesso un noto ed importante Senatore della Repubblica nonchè sostenitore dell'odierno esecutivo...
Forse il nostro Senatore (per colpa della sua età) ha avuto dei momenti di amnesia credendo che attualmente il Governo Italiano fosse presieduto da Re Silvio da Arcore..
Insomma, all'interno della coalizione di Centrosinistra ci ritroviamo personaggi che hanno poco in comune alla buona politica di cui dovremmo esserne artefici.
Vi sono attori che purtroppo sono pronti a fare il tanto annunciato salto della quaglia.
Una prova tangibile è la ricostruzione di Repubblica di venerdi'28 dicembre dove nelle prossime settimane il gruppo dei Liberaldemocratici diverrebbe a tutti gli effetti un gruppo parlamentare. Voglio ricordare che per formare un gruppo in Senato bisogna avere a disposizione 10 Senatori.
Il buon Silvio da Arcore dopo i tentati accordi economici con alcuni senatori Unionisti sta già provvedendo a prestare qualche suo uomo di fiducia...
Attenzione cari amici, il Piduismo ha rialzato la testa!!!
Povera ma povera Italia...

lunedì 24 dicembre 2007

Buon Natale!!


Tutti i componenti del PD caratese inviano i piu' cari e affettuosi auguri di Buon Natale ai propri simpatizzanti ed elettori...




venerdì 21 dicembre 2007

Comunicato Stampa


La sanità della Provincia di Monza e Brianza : un brutto pasticcio

Il nuovo disegno dell’ASL di Monza e Brianza, riorganizzata sui confini della Provincia appena istituita, sembra essere stato realizzato nella più generale confusione e assenza di qualsiasi funzione strategica per i nostri presidi Ospedalieri.

Ancora una volta si assiste al solito giro di dichiarazioni degli esponenti del centrodestra che , privi di argomenti, indicano ricette e modalità disparate.

Per un verso la Giunta Formigoni, attraverso un collegato alla Finanziaria regionale, procede a strappi individuando soluzioni spurie e incomprensibili, quale la realizzazione di un'unica Azienda Ospedaliera Desio-Vimercate e il conseguente impoverimento dell’ Ospedale S. Gerardo di Monza, dall’altro il centrodestra locale versa lacrime di coccodrillo rivendicando patti successivamente traditi dal Pirellone.
Davvero un quadro desolante che mortifica i cittadini della Brianza e le amministrazioni locali scavalcati dall’ingordigia e l’arroganza di interessi particolari e dalla mancanza di idee per la sanità brianzola.

“Constatiamo l’ennesimo esempio di cattiva politica e l’inadeguatezza di questo centrodestra a governare i processi di cambiamento della nuova Provincia.- commenta il coordinatore provinciale del PD Enrico Brambilla – Questa volta i cosiddetti campioni del federalismo hanno dimostrato in realtà molta improvvisazione e poca attenzione verso le comunità locali. C’è bisogno di un sistema sanitario brianzolo integrato tra le aziende ospedaliere che produca valore aggiunto nel campo delle eccellenze.”

Rincara la dose il Consigliere Regionale del PD Giuseppe Civati “Grazie al contributo decisivo dei Sindaci e alla nostra opposizione rigorosa siamo riusciti ad evitare per il momento questo colpo di mano della Giunta Formigoni. Ribadiamo la necessità che la discussione deve avvenire nelle sedi istituzionali corrette, con il pieno e trasparente coinvolgimento dei Sindaci del territorio”.


Monza, 19 dicembre 2007

giovedì 20 dicembre 2007

Partecipare e contribuire: presto, molto presto!



"Partecipare e contribuire": la ricetta giusta per un'opposizione di qualità.
Il linguaggio giusto, la sede adeguata, il momento opportuno... si sta avvicinando.
Ad Agliate, tra Gennaio e Febbraio arriveremo al "clou" della questione P.G.T.-P.I.I. (Area Pozzi) per proporre alla cittadinanza quello a cui la Destra ha deciso di rinunciare, cioè il dibattito, il confronto.
E per spiegare che siamo vicini al cittadino, alle sue esigenze e vogliamo aprirgli gli occhi su un'operazione che è "grande" solo nelle dimensioni e nei ricavi (di altri), mentre ciò che vorremmo è che non fosse "grande" o "piccola" ma a misura di cittadino.
Riportiamo l'iniziativa del Centrosinistra caratese, che ha visto la partecipazione e il contributo (appunto) di Pippo Civati e Paolo Pileri. Quest'ultimo, docente del Politecnico, ci ha dato una bella "lezione".

Sta per nascere Democabrio....


Cari amici ormai siamo prossimi alla pubblicazione del portale Democabrio...
Qui sotto potrete vedere la presentazione filmata del sito...
Intanto memorizzatevi l'indirizzo:
www.democabrio.it



martedì 18 dicembre 2007

"Incontro" di Dicembre...



Ricevo e pubblico volentieri 2 pagine del mensile "Incontro".
Lo potete trovare in ogni edicola del territorio caratese...
Un mezzo di informazione libero e sempre aggiornato alle tematiche che piu' toccano il cittadino.

Se volete contattare la redazione cliccate qui sotto:
redazioneincontro@libero.it






Regione Lombardia: il gambero dell'ambiente

Secondo un Comunicato stampa, la Regione Lombardia diffonde dati confortanti sulla presenza di particelle di pm10 nell’aria e nei polmoni dei cittadini secondo i quali, dal confronto con altre città italiane ed europee, Milano sarebbe molto meno inquinata di Torino (media annua di particelle per microgrammi 66 nel 2006) o addirittura di Londra (media annua di particelle per microgrammi 75 nel 2006), attestandosi su una media di 56 mg/m3 e su solo 149 giorni di superamento delle soglie consentite per legge, contro i 184 di Torino o i 224 della capitale britannica.

Un così brillante risultato meriterebbe molto più sostegno da parte dei proprio alleati/amici... infatti il sindaco di Milano insiste nel chiedere ai cittadini uno sforzo nel pagare l’ecopass per diminuire un livello di inquinamento allarmante.
Di tutt'altro genere, la posizione del PD "la strategia contro l’inquinamento deve presupporre che i soggetti concorrano agli stessi obiettivi, e devono operare secondo una strategia che oggi, semplicemente, non c’è" . Secondo il consigliere Giuseppe Civati "più mezzi pubblici, più politiche per il risparmio energetico, più investimenti in innovazione, questo servirebbe alla Regione per affrontare con coraggio l’inquinamento atmosferico".

Invece la politica degli incentivi per l’acquisto di caldaie e veicoli è rimasta l’unica via percorsa concretamente dalla Regione, che nel frattempo ha tagliato, a luglio in assestamento di bilancio, gli stanziamenti per le fonti rinnovabili, per i progetti sull’idrogeno e per i veicoli ecologici. Esattamente come Penelope, che di giorno tesseva e di notte disfaceva il tessuto, nell'attesa di....Anche la legge per la lotta allo smog, approvata un anno fa, è rimasta quasi del tutto inapplicata. Nell’anno del Nobel a Gore per il suo impegno ambientalista e della conferenza sull'ambiente di Bali in cui anche gli USA sembrano andare nella giusta direzione, qualche mente illuminata invece torna indietro....

venerdì 14 dicembre 2007

Regione Lombardia 'ricicla' i regali del Governo Prodi

Natale amaro per i lombardi. Mentre Formigoni annuncia pomposo che ridurrà le tasse di 400 milioni di euro (fosse vero...) qualcuno scopre i retroscena.
A quella cifra Formigoni è arrivato sommando i 200 milioni di riduzione dell'addizionale Irpef - attualmente la più alta d'Italia - per i redditi inferiori ai 15.400 euro annui lordi, i 50 milioni della riduzione di 10 euro dei ticket sanitari - attualmente i più alti d'Italia -, e i 150 milioni conseguenti all'eliminazione della tassa sul metano.
Errata corrige: 1) La tassa sul metano i lombardi non la pagano già , quindi da ZERO si passa a ZERO ( 0 meno 0 = 0 ma dai?)
2) I 50 milioni dei ticket sono una cifra corretta, ma sappiamo che la riduzione dei ticket arriva dopo 4 anni di ingiustificato aumento e non, come si vuol far credere, dai 10 euro "aggiunti" dalla Turco nel DPEF 2006/2007.
3) I 200 milioni dell'Irpef sono un arrotondamento dei 186 che la giunta dichiara nella relazione al bilancio. Ma questo dato è controbilanciato da una previsione di maggior gettito della stessa: il risultato quindi non dà 200, né 186, ma soltanto 83,5 milioni. Dai 400 siamo arrivati a 133,5 milioni.
4) Per di più, le entrate tributarie e da trasferimenti risultano complessivamente aumentate di 415,5 milioni di euro, derivanti da una maggiore compartecipazione della Regione all'Iva, da un aumento dell'accisa regionale sui carburanti e da un aumento delle entrate per il bollo auto derivante da un significativo recupero dell'evasione.

Ancora una volta, la regione si attribuisce meriti che sono in realtà del Governo Prodi che ha operato, al contrario degli scellerati predecessori, nel risanamento dei conti pubblici. DA QUANDO IL CENTROSINISTRA GOVERNA LA REGIONE LOMBARDIA HA RICEVUTO COMPLESSIVAMENTE PIU' RISORSE DALLO STATO ! ! !

Solo che Prodi passa per quello che mantiene le tasse e Formigoni per quello che le riduce.
Un grazie a Pippo Civati che aggiorna il suo blog in maniera sempre puntuale.




mercoledì 12 dicembre 2007

Più finanziamenti alla scuola lombarda grazie a Prodi

Dal blog di Pippo Civati:

Comunicato stampa. “In attesa di capire bene come Formigoni e la sua Giunta hanno modificato la distribuzione delle stesse voci di contributo già previste negli anni scorsi, con il famoso gioco delle tre carte cui il presidente ci ha abituati e che caratterizza questo bilancio, va fatto notare che il Governo, qualche settimana fa, ha assegnato a Regione Lombardia oltre 11 milioni di euro che le spettavano e che sono aggiuntivi al finanziamento per le attività formative, denaro che deriva dal riparto tra le regioni di finanziamenti sulle attività sperimentali triennali di formazione”. commenta Carlo Spreafico, consigliere regionale del Pd, a proposito di quella che la Giunta Formigoni ha presentato come “La dote istruzione”. Aggiunge Giuseppe Civati che “grazie ai maggiori stanziamenti del Governo Prodi la Regione può incrementare i contributi per il sostegno, ma la notizia nuova di oggi è il superamento dello strumento del buono scuola, che però non sana la grande sproporzione di fondi tra gli studenti che frequentano le scuole paritarie e quelli iscritti alle scuole pubbliche, se meritevoli o bisognosi. Ciò che invece preoccupa è che la Giunta abbia deciso di abrogare di fatto la legge sul diritto allo studio, sostituendola con sole quattro righe di modifica della recente legge sul sistema di istruzione e formazione professionale. Un approccio incomprensibile e che non lascia presupporre nulla di positivo”. E a proposito della notizia data dallo stesso presidente Formigoni, che ha detto di aver chiamato il Ministro Fioroni per comporre la questione apertasi con il ricorso da parte del Governo contro la legge regionale su Istruzione e formazione professionale, Spreafico ha chiosato: “Mi fa piacere apprendere, dalle dichiarazioni fatte oggi da Formigoni in conferenza stampa, che Regione Lombardia ha deciso di abbandonare sulla questione dell’istruzione la linea di contrapposizione costituzionale con il Governo che noi del Gruppo del Pd abbiamo sempre sostenuto essere inutile, controproducente e dannosa per gli interessi del sistema scolastico lombardo, per le famiglie e per gli studenti. Spero non si tratti di una mossa propagandistica, ma di un atteggiamento politico seriamente impegnato a trovare soluzioni a problemi aperti”.


-->

Re-ci-di-vo!



Come altrimenti definirlo? Eh lo sapremmo bene... ma ci asteniamo. Qui si riportano i fatti, quelli che sono agli occhi di tutti. L'ennesimo capitolo della storia di un uomo, che probabilmente è sul viale del tramonto, ma non rinuncia ai soliti vecchi metodi per condizionare le istituzioni (direttamente) ed i cittadini (indirettamente).
Che nonostante si siano pure sentiti insultare da lui (co...ni), lo voteranno ancora. Che nonostante non sia stato assolto ma GRAZIATO dalle accuse già in passato rivoltegli e per le quali ha sempre rifiutato di comparire in giudizio, gli crederanno ancora. Che nonostante sia costantemente implicato in affari "strani", appare la vittima (e non il carnefice) del sistema, e ottiene consenso. Da "Il Gladiatore" di Ridley Scott " Il cuore pulsante di Roma non è certo il marmo del Senato, ma la sabbia del Colosseo: lui farà loro vedere la grandezza, li stupirà con effetti speciali, e loro in cambio lo ameranno; poi gli toglierà poco a poco la libertà, e loro ancora lo ameranno"

Parliamo una lingua nuova

PD a Carate: all'insegna del web e del loft.

Avvertiamo sempre di più l'esigenza di una maggiore connotazione di questo straordinario nuovo contenitore, che è il PD appunto e che ha ancora qualche spazio vuoto, mentre tenta di definirsi, regolamentarsi, insomma ... mentre gli diamo un'identità rendiamolo già brillante.. un bambino che nasce e il giorno dopo compie 6 anni, va a scuola e parla un nuovo linguaggio, quello della rete e degli spazi aperti.
Il web sarà presto una realtà ma dovrà crescere con gli altri in rete, per una partecipazione più estesa, una dimensione sovracomunale, con un occhio attento ai livelli superiori e ai partners orizzontali (penso a Legambiente, al quotidiano Repubblica ecc.)
Il loft potrebbe essere la seconda tappa del neonato PD, successiva (ma non troppo) al radicamento sul territorio: una piattaforma per la ragione, come dice il nostro Pippo Civati, per la cultura, la sensibilità ed il divertimento con e senza politica. Meno paletti, più idee. Più partecipazione, più spazio, più confronto.
Entusiasmo e vivacità saranno la nostra carta vincente.

Casatelli vittima di insulti gratuiti? L'assessore minimizza.


La giornata caratese dedicata ai commercianti è stata teatro di un nuovo episodio poco edificante che ha visto come protagonista un esponente della Giunta Comunale, l'assessore Viganò.

Incontrato da Marco Casatelli, 22enne seguace del movimento promosso da Beppe Grillo, che gli offriva un panettone simbolico, l'assessore lo apostrofava in maniera gratuita ed ingiustificata. Retroscena della vicenda la mancata autorizzazione del Comune alla collocazione di un gazebo di promozione del sito www.tucittadino.it/dblog per "incompatibilità" con la festa dei commercianti. Nessun auto-divieto invece per il gazebo comunale che pubblicizzava il progetto P.I.I. "Area Pozzi" che è stato presentato al pubblico lo stesso giorno, a dispetto delle polemiche che lo circondano da settimane.

lunedì 10 dicembre 2007

Bicing.com

Guardate che bella iniziativa

www.bicing.com

a domani sera, per parlare di urbanistica, sostenibilità...ore 21.00 in Comune!




L'Assessore Viganò colpisce ancora!!

Anche nella giornata dedicata alla festa dei commercianti il buon Assessore Viganò ha mal apostrofato i simpatici grillini vestiti da Babbo Natale con un perentorio "Siete solo dei Buffoni"....
Stando alla ricostruzione del giornale "L'Esagono" questa spiacevole situazione si e' verificata dopo che il nostro eroe caratese ha ricevuto un pacchettino di dolci da uno dei militanti del Meetup grillino...
Beh noi non vogliamo aggiungere nient'altro di piu' che una piena solidarizzazione nei confronti dei responsabili del sito TUCITTADINO.
Povera Carate...in che mani e' stato messo il nostro bel paesotto....Comunque il 2009 non è poi cosi' tanto lontano...

Fisco, a ottobre entrate +2,3 miliardi...Nei primi 10 mesi dell'anno rialzo del 7,9%

Articolo tratto dal sito di Repubblica

ROMA - A ottobre le entrate del Fisco sono aumentate di 2,3 miliardi, raggiungendo i 30,4 miliardi. Nei primi dieci mesi dell'anno rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente l'incremento delle entrate è stato di 22,8 miliardi di euro, corrispondente a un rialzo del 7,9 per cento. I dati sono stati diffusi dal Bollettino del Dipartimento per le Politiche Fiscali del ministero dell'Economia e delle Finanze.

La crescita è calcolata al netto delle 'una tantum', ovvero dei prelievi straordinari, mentre al lordo delle 'una tantum' la crescita nei primi 10 mesi dell'anno è stata di 18 miliardi (+6,1%). Nel solo mese di ottobre, le entrate sono aumentate dell'8,9% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso (senza 'una tantum'). La crescita è stata dell'8,4% se calcolata al lordo.

Vola in particolare l'Ires al galoppo: l'imposta sul reddito delle società da gennaio ad ottobre ha generato reddito per 29.151 milioni di euro con un aumento rispetto ai primi dieci mesi dell'anno precedente di 7,6 miliardi in valori assoluti e del 35,4% in valori percentuali.

venerdì 7 dicembre 2007

Ragione + comunicazione + divertimento = PD

C'è decisamente tanto movimento attorno alla costruzione del PD, in Lombardia. I contenuti che vi riporto lo dimostrano.
Iniziative che parlano di web, di democrazia e di partecipazione. "Emergono la straordinaria importanza della partecipazione e il compito per chi fa politica di dedicare una parte significativa del proprio lavoro a promuoverla e a stimolarla. La necessità di cedere potere decisionale a militanti ed elettori, attraverso forme di consultazione aperte, non centralistiche e non gerarchiche (vedi alla voce "wikipedia", pensando ad un wiki-pd). La possibilità di condividere informazioni e, soprattutto, contenuti, attraverso una rassegna ragionata del lavoro politico e istituzionale. Da ultimo, ma non certo per ultimo (anzi, per primo) l'impegno ad orientare prima di tutto il partito 'reale' ad un nuovo approccio complessivo, mutuato proprio dalle forme di confronto, di dibattito e di interazione che il web ha saputo sviluppare. Vi prego di soffermarvi soprattutto su quest'ultimo punto, perché è la chiave di lettura che reputo in assoluto più interessante. Non solo per avere una buona 'rete' e un buon web, ma per avere un buon partito" questa la riflessione tratta dal blog di Pippo Civati, che insieme ad altri seguirà la "tematica" web per il PD Lombardia, in assenza di incarichi "tecnici".

Oggi il menu prevede anche una riflessione sulle sedi. E' importante puntare molto sull'accoglienza, con uno spazio lounge, come si dice oggi e fa molto fino, all'ingresso, dove bere il caffè, del buon vino, avere a disposizione uno spazio internet e una piccola biblioteca...magari un'area ludica e una sala delle conferenze. Uno spazio a disposizione della comunità politica e della società, capace di accogliere intelligenze e sensibilità.

giovedì 6 dicembre 2007

Un Paese veramente anormale....


Amici miei siamo alle solite...
Mamma TV ne ha combinata un'altra.
Come tutti ben sappiate nella giornata appena trascorsa uno dei piu' noti personaggi del mondo immobiliare ossia Lord Danilo Coppola fuggendo dal tugurio dell'ospedale di Frascati ha raggiunto in un batti baleno l'Hotel Clodio di Roma situato di fronte al Palazzo di Giustizia dove come per magia era ad attenderlo una troupe dell'emittente Mardocchiana (Murdoch n.d.r.).
Insomma il grande dramma di questo infausto personaggio lo conosciamo tutti....Caspiterina, questi maledetti comunistacci gliela stanno facendo pagare per aver evaso solamente centinaia di migliaia di euro e per aver creato una leggerissima voragine di 130 milioni di euro ai danni del gruppo da lui presieduto...
Comunque si e' verificata la medesima scena, ossia il dramma della persona, il giornalista compiacente ecc. ecc.
Mi ritorna in mente qualche mese addietro un'altro bel VIPPONE nostrano...beh avete capito di chi stiamo parlando? ma si', del grande Valentino Rossi, grande per il suo buco spaziale di decine di milioni di euro di evasione fiscale....
Il nostro e' proprio un paese anormale dove i disonesti creano spettacolo, audience mentre i veri drammi come il basso salario che si registra nelle categorie lavorative riamangono sempre in seconda o terza pagina...
Ragazzi miei, diamoci da fare o qui crolla tutto il sistema!!!
Anche per stasera chiudo qui la mia predica...
Buona serata...sperando che il Senato non ci provochi qualche scherzetto...Capito Lambertow? capito caro Faustino and company?
Stefano Cuch

mercoledì 5 dicembre 2007

....a Carate (2/2)


Già. Le regole. Quelle che spesso i governanti fanno su misura per loro, come un abito da sartoria... se poi l'abito non va bene, beh è colpa del sarto, non delle 2 taglie in più accumulate in tempi grassi.

Dopo la buona tavola ci troviamo con un conto più salato del previsto (art.1)... e adesso? Spese ingiustificate da accollare al mittente!
Invito alla riflessione ed alla collaborazione respinto dal Sindaco che attacca invece di difendersi (art.2 - Area Pozzi).
Un attacco sterile, ed una difesa in difficoltà che incassa l'autogol che non ti aspetti: il consigliere che lascia la maggioranza (Moscatelli) ormai ridotta all'osso.
Nota di merito per il centrosinistra caratese, autore di iniziative puntuali e serie, per parlare alla gente dei problemi veri, e non dei "contorni". Ne verranno altre: SEGUITECI!!!

Da Milano....(1/2)


Ecco un esempio di come infischiarsene delle regole, o peggio, di come cambiarle a seconda del proprio tornaconto.
C'è chi è infastidito soltanto dal pensiero che qualcuno possa "verificare" la legittimità del proprio operato, vero sindaco? Cara, dopo il flop del suo Ministero all'istruzione, guai anche in comune: che abbia sbagliato lavoro? Ci pensi...

martedì 4 dicembre 2007

Il Dalai Lama a Milano.....


Carissimi, nelle giornate del 7/8/9 Dicembre presso il Palasharp di Milano il Dalai Lama incontrerà la comunità italiana.
Un uomo di grande spirito, portatore di pace e di solidarietà.
E' un vero peccato che le autorità italiane non abbiano organizzato degli incontri ufficiali per parlare del grande problema che affligge la sua popolazione tibetana.
Purtroppo ha vinto la paura di eventuali ritorsioni economiche e diplomatiche da parte del governo cinese.
Tutto questo dovrebbe farci riflettere...
Anche in una coalizione di centrosinistra come la nostra che si e' sempre battuta a favore dei diritti dei popoli, la voce piu' profonda e' quella di un disinteressamento totale.





Obama e i giovani

Apprendo da fonte amica che Barak Obama, candidato alla Presidenza U.S.A. nelle file del Partito Democratico ha dichiarato - nell'ambito del fundraising (raccolta fondi) in vista delle primarie - che non accetterà sovvenzioni da parte di lobby o categorie ma che cercherà il consenso dei giovani e dei ceti medi.
Uno spunto che il PD dovrà accogliere per riflettere su quale direzione dare alla riforma della politica. Beh, per noi giovani la risposta è scontata....

giovedì 29 novembre 2007

TAXI 2 : uno sguardo altrove (farebbe bene!)

Seguiamo la falsa riga del post precedente per aggiungere qualche strumento di confronto: perchè non chiedersi...e cosa fanno gli altri? In che situazione sono?

Facciamo semplicemente un paragone tra capitali europee, riportando dati riferiti al 1991, ma che non si sono modificati nelle percentuali (in proporzione) ad oggi: nel Comune di Roma è disponibile un taxi ogni 621 residenti ( nel 2007 = 1,8 per 1000 ab.), mentre a Parigi circa uno ogni 144 (nel 2007 = 8 per 1000 ab.), a Madrid circa uno ogni 201 ( 5 per 1000) e a Londra circa uno ogni 364. Quest'ultimo dato, peraltro, sottostima l'effettiva disponibilità di taxi londinese in quanto non tiene conto degli oltre 40.000 minicab operanti in tale mercato. Anche il confronto con le principali città italiane è sfavorevole a Roma: a Milano ad esempio c'è una disponibilità di taxi di 2,2 per 1000 ab.

Ancora una volta, lo spirito corporativo ostacola i tentativi di liberalizzazione. Ci chiediamo: quando finirà l'interesse individuale (o di categoria), quando smetteremo di guardare l'altro come una "minaccia" del nostro agio? Auguriamoci che Veltroni non ceda, la strada della competitività e della concorrenza nella libera professione è giusta.

TAXI: DICHIARANO 1.100 EURO/MESE MA 7 SU 10 FUORI REGOLA!!!!

Articolo tratto dal sito di Repubblica

Dichiarano al Fisco un reddito medio di 1.100 euro al mese, ossia 13.800 euro l'anno, ma nelle verifiche fiscali sono risultati irregolari nel 70% dei casi. Secondo alcune elaborazioni, i tassisti italiani sono 18 mila e le cessioni delle licenze avverrebbe sostanzialmente in nero. Il reddito ovviamente oscilla a seconda del comune di appartenenza: all'anno, a Napoli guadagnano 11.400, a Bologna 12.900, a Firenze 13.000, a Torino 13.400 e a Catania appena 9.300 euro. A Roma, invece, si arriva a 14.000 euro superati solo da Genova e Milano con 14.400 euro. Secondo i controlli effettuati, 7 tassisti su 10 non sono risultati in regola, avendo dichiarato un numero di chilometri annuo medio inferiore del 37% e un costo per carburante medio inferiore del 22% rispetto a quello reale. Quanto alla compravendite delle licenze, le verifiche hanno accertato in Lombardia tra il 2000 e il 2003 19,6 milioni evasi mentre nel Lazio 18,8 milioni.





mercoledì 28 novembre 2007

Lambertow, Tex Willer Bordon e la loro allegra compagnia...

Cari amici del PD, in questi giorni mi duole constatare il perdurare di dissapori e ricatti che alcuni noti personaggi eletti nella nostra coalizione continuino a tener sotto scacco il nostro Governo...
E' vero che ogni coalizione ha le sue belle pecorelle nere e su questo la precedente maggioranza non ne era esente infatti al suo interno il Dottor Casini di nome e di fatto ne e' stato l'artefice principale ma per lo meno poteva far pesare il suo 5/6% di consenso elettorale a livello nazionale...
Ma veniamo a noi...
Come detto all'inizio del mio post vi sono personaggi illustri dal passato molto variegato...
Nei giorni scorsi si e' discusso del famosissimo protocollo sul welfare che dopo molte controversie si era arrivati ad una specie di accordo su dei punti che per me erano assolutamente sacrali. Un esempio? quello sulla limitazione del contratto a tempo determinato dove trascorsi 36 mesi di precariato vi poteva essere un ulteriore proroga ma di soli 8 mesi...la modifica era stata votata all'unanimità. Si trattava quindi di un primo vero passo verso un salto di qualità per quanto riguardava il contrasto alla forte precarietà esistente nel nostro bel paese...Voglio precisare che una recente delibera del Parlamento Europeo ha stabilito ad un massimo di 24 mesi il perdurare di questi contratti atipici!! altro che 36 piu' 8!!!
L'illusione di questa nuova tendenza non e' durata nemmeno 24 ore che il Buon Rospo Lambertow baciato dalla Prinicipessina Miss Ricatto all'Italiana minacciava in caso di modifiche il suo voto contrario.
Insomma un uomo piccolo e bruttino con la sua mini formazione di 4 senatori capeggiati dal temerario Tex Willer Bordon il cui valore elettorale è prossimo allo zero periodico è riuscito a condizionare una coalizione intera...
Ma questi molluschi della politica si ricordano il loro bel recente passato?
Forse e' meglio ricordarglielo..
Tex Willer Bordon e' il classico cambia casacche siccome fu artefice di numerose creature politiche tra cui nel 1994 della formazione politica di Alleanza Democratica che se mi ricordo ben bene fu fondata con uno dei piu' grandi ULTRAS Berlusconiani degli anni 2000 ossia il Senatore Ferdinando Adornato....
Numerose furono le sue casacche passando successivamente dalla Margherita per poi fondare l'Unione Democratica e la sua confluenza nel giro di 48 ore verso i Liberaldemocraticiricattatori.....
E il Buon Rospo di Lambertow?
Fu ministro del primo governo Berlusconi, venne osannato a Presidente del Consiglio nel 1995 dopo la sua prima caduta e miracolo della politica elettorale creo' un suo movimento politico dal nome veramente curioso:"Rinnovamento Italiano" il cui movimento riusci' miracolosamente a prendere il 4% nelle elezioni politiche del 1996...
Ma come riusci' ad arrivare alla fatidica quota del 4% di consensi? forse nessuno si ricorda che grossi quantitativi di elettori di sinistra presenti nelle classiche regioni rosse su indicazione di partito e per puro spirito di disciplina votarono la sua lista per cercare di ringraziare il Rospo per non aver voluto ribaciare la guancia velenosa dell' Uomo di Arcore.
Ragazzi la situazione odierna è sotto gli occhi di tutti...
Possiamo ancora andare avanti con certi personaggi che tutt'insieme non valgono l'equivalemte numerico del prefisso telefonico di Roma?
Forse sganciandoci da certe compagnie potremmo guadagnarne in stima ed in voti...
Non mi sembra quindi di vedere un Governo ricattato dalla sua componente piu' estrema ma anzi, è grazie alla loro disciplina se a tutt'oggi possiamo ancora alzare le redini del Calesse....
Forse mi prendero' qualche cicchetto sul mio modo di esprimermi nei confronti di questi (si fa per dire) alleati, ma chi mi ben conosce sa che il sottoscritto ha sempre scritto cio'che ha sempre pensato.
In conclusione il vero pericolo a parer mio proviene da questi pseudopolitici di estremo centro i quali fanno dell'arruffaggine il loro scopo di vita...senza il potere del ricatto equivarrebbero a delle nullità.
Il PD ha bisogno di forze fresche e alleati leali... E' lapalissiano che giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, mese dopo mese, se non cambiamo il modo di governare verremo spazzati via dal nostro stesso popolo, orgogliosamente progressista e democratico. Loro hanno delle aspettative vere nei nostri confronti...vediamo di non deluderli per l'ennesima volta!
Mi scuso con i nostri lettori per il mio sermone, ma non e' stato possibile trattenere l'impeto che sta dentro in me dopo i recenti fatti...
Un caro saluto a tutti..
Stefano Cuch

lunedì 26 novembre 2007

Un fine settimana caratterizzato dalla piu' consueta normalita'...

Come potrete aver notato in questi 3 giorni il nostro blog non e' stato aggiornato...
Non e' la mancanza di tempo che ci ha portati a tralasciare il nostro diario virtuale ma bensi' una mancanza di argomenti concreti che la vita politica ci sta offrendo...
E' inutile parlare delle 30 milioni di firme (ormai siamo prossimi alle 55 n.d.r.)raccolte dal nuovo Partito del Plebiscito ops del Popolo o del disfacimento della Casa delle Libertà come e' inutile parlare o discutere del protocollo del welfare che tra una tirata tra Rifondaroli e Diniani si rischia un bel secondo patatrack!!!
Le Tv ormai già ne parlano e ristraparlano quindi annoiare i nostri assidui lettori sarebbe controproducente...
Purtroppo nemmeno la rassegna locale ci ha dato materiale di primario interesse...ma vabbe' si va da periodi di vacche grasse a periodi di vacche magre...
Speriamo che in questi giorni il buon Walterone nazionale riesca a tirare fuori un bel coniglietto dal cilindro ossia un buon accordo che calendarizzi la riforma elettorale e le modifiche Costituzionali....
Per oggi chiudo qui la mia predica...amen

giovedì 22 novembre 2007

L'informazione: libera e diretta.


Come tutti sapete, ieri il quotidiano "Repubblica" ha pubblicato le intercettazioni telefoniche tra i dirigenti Rai e Mediaset, che dimostrano, se non un preciso disegno politico, quantomeno un "interesse" a mettere in luce il Premier di allora (Berlusconi) anche a scapito di eventi di portata mondiale. Da qualunque parte la si veda, il giornalismo in Italia è ancora in seria difficoltà. Sono note (e dimostrate) le vicende in cui giornalisti e direttori di TV si sono disinteressati dell'informazione per una pura logica di parte. L'esempio di declino di qualità e trasparenza del giornalismo, è il "Giornale", passato dall'autorevole firma di Indro Montanelli a quella di Vittorio Feltri. Contenuti come questo sono ben sviluppati nei libri di Marco Travaglio, uno degli ultimi "segugi" della notizia in quanto tale, libera, vera. Altri invece hanno scelto di essere faziosi, tradendo la notizia stessa, che è la linfa vitale del giornalismo. NO alla mistificazione della realtà; SI alla libertà di informazione. Che le querele piovano, nessuno è mai stato condannato per aver pubblicato la verità.






Il PD parlerà una lingua nuova

Cliccando sul sito, troverete qualcosa di interessante e di familiare. Uno dei punti di partenza fondamentali del neonato PD è la comunicazione, la partecipazione, la rete.
Per un grande progetto.

http://www.ulivo.it/cgi-bin/adon.cgi?act=doc&sid=34&doc=103598

martedì 20 novembre 2007

Parchi in pericolo

http://www.eddyburg.it/article/articleview/10093/0/99/%22

Con un emendamento palesemente contraddittorio rispetto alle intenzioni dichiarate in Consiglio Regionale dalla maggioranza di CentroDestra, è all'odg una proposta di attribuire ai comuni ed ai relativi piani di governo del territorio (PGT) l'arbitrio di utilizzare a scopo di "espansione insediativa". Non ci vuole molto a capire che si tratta di un ennesima dimostrazione di povera politica ambientale: il mondo scientifico ci mette sempre più in guardia dal rischio ambiente, arrivano anche i Nobel a chi dimostra autorevolezza e competenza in questo settore (Al Gore) e la Regione continua a trascurare la questione. Anzi fa di più: riduce i finanziamenti (cosa nota di qualche mese fa). E'importante essere "sul pezzo" ancorpiù che noi abbiamo un parco regionale fuori dalla porta di casa e l'amministrazione del Comune di Carate non si distingue certo per le politiche ambientali (cfr. Area Pozzi)

In questo sito è possibile firmare per chiedere il ritiro dell'emendamento. Si spera che vincano ancora la cultura e la democrazia.

lunedì 19 novembre 2007

Intervista di Veltroni a Repubblica

Vi riporto l'intervista on line fatta da Repubblica al segretario del PD Veltroni:

ROMA - L'annuncio di Berlusconi sancisce "di fatto la fine della stagione della Cdl" dovuta anche, fra gli altri elementi, alla nascita del Partito democratico. E va benissimo il dialogo, ma "la prospettiva non è solo la discussione sulla legge elettorale, bensì un confronto sulle riforme istituzionali e un intervento sui regolamenti parlamentari". Così Walter Veltroni, al termine dell'esecutivo del Pd, commenta la nascita del nuovo partito annunciata dal Cavaliere. Dunque, sì al dialogo con il centrodestra, purché non sia posta alcuna "data di scadenza al governo, che va nettamente tenuto fuori, per evitare possibili ricadute negative su Prodi e sulla stabilità del suo esecutivo". Quanto alla legge elettorale, torna a citare, come possibile modello di riferimento, il "Vassallum", che tuttavia già nei giorni scorsi aveva destato più d'una perplessità all'interno dello stesso Pd. "A noi - precisa Veltroni - interessa un sistema che favorisca la bipolarizzazione, a partire dal proporzionale".

Cambia la geografia del centrodestra. Con l'annuncio dello scioglimento di Forza Italia nel futuro Partito del popolo, osserva il sindaco di Roma, Berlusconi "ha di fatto sancito la fine della Cdl". Cambierà la geografia del centrodestra e non del centrosinistra, quella si è modificata in modo obiettivamente razionale". E proprio il Pd sarebbe, a giudizio di Veltroni, fra i fattori che hanno contribuito a determinare "una situazione di movimento nel centrodestra, che adesso si presenta nella forma della fine della stagione della Cdl".

Dialogo sull'assetto istituzionale. La prospettiva, sottolinea il segretario del Pd, "per quanto mi riguarda e ci riguarda, non è solo la discussione sulla legge elettorale, ma sulle riforme istituzionali e un intervento sui regolamenti parlamentari. Queste tre cose stanno insieme e insieme vanno affrontate". "Va benissimo", dunque, il dialogo, ma che sia "anche sull'assetto istituzionale, anche perché le riforme sono già in discussione in Parlamento".

Discussione con tutte le forze politiche. Il Pd, assicura Veltroni, dialogherà con tutte le forze politiche interessate a un nuovo assetto istituzionale, disponibili ad affrontare la principale emergenza del Paese". Nessuna "corsia preferenziale" - come gli chiedono i cronisti - con Berlusconi: "Avremo lo stesso grado di cura nei rapporti con tutte le forze politiche del centrodestra".

"Vassallum", soluzione possibile. La proposta Vassallo-Ceccanti, dice Veltroni, "è una soluzione possibile. Abbiamo detto a più riprese che a noi interessa la presenza di un elemento che favorisca il processo di bipolarizzazione di cui ha bisogno il nostro Paese, a partire da un sistema proporzionale. Così come succede negli altri sistemi europei. La misura e le tecnalità, le possiamo vedere. Però, l'arrivo di questa proposta politica del Vassallum - osserva Veltroni - è servita ad aprire una dialettica del tutto nuova. Nessuno, un mese fa, pensava che saremmo arrivati al punto di oggi. Si è aperta una nuova stagione politica".

I tempi della riforma. Quanto ai tempi della riforma e al modello elettorale, Veltroni spiega: "Per la legge elettorale ora si tratta di verificare le posizioni dei singoli e di cercare un punto di equilibrio. Mi pare che i princìpi si vadano sostanzialmente delineando. Si tratta di tradurli in un articolato di legge ma, si è obiettivamente passati a una nuova fase". Per quel che riguarda i tempi, ovvero prima le riforme e poi il voto, il sindaco di Roma ricorda che il prossimo anno "dev'essere impegnato per fare le riforme istituzionali, la legge elettorale e la modifica dei regolamenti parlamentari. Per noi rimane questa la scadenza".

domenica 18 novembre 2007

Finanziaria 2008...eccovi alcune tabelline



Vi allego 2 tabelline inerenti ai benefici che la finanziaria 2008 porterà nelle case e nelle tasche di tanti italiani...

Ici, in sei milioni non la pagano più!

L'articolo e' tratto dal sito di "Repubblica"


ROMA - Proprietario, inquilino o aspirante proprietario. La Finanziaria 2008 si concentra sulla casa con un pacchetto di misure che accompagnano il cittadino nelle varie fasi della sua vita. La misura più importante riguarda chi abita nella casa di proprietà: su questo immobile arriva l'atteso sconto sull'Ici pari a circa il 30 per cento dell'aliquota base (oggi pari al 4 per mille del valore catastale). Si tratta di uno sconto pari all'1,33 per mille del valore catastale (cioè la rendita, più il 5%, moltiplicato 100) sull'imposta che si aggiunge all'attuale detrazione di 103,29 euro. In ogni caso la detrazione non potrà superare i 303,29 euro di sconto e non riguarderà case di lusso e palazzi storici. Quanti italiani potranno beneficiarne? Molti. Si calcola che con questo meccanismo le famiglie esenti saranno il 40 per cento del totale, cioè circa 6 milioni

Il "ciclo" della politica


Un'altra bella iniziativa, questa volta allo scopo di recuperare l'utilizzo della bicicletta e renderlo più sostenibile (di questa parola si sta un pò abusando... e vabè, troveremo dei sinonimi!).
Da leggere tutto d'un fiato (come in volata)





sabato 17 novembre 2007

La sostenibile leggerezza della Toscana

http://www.primapagina.regione.toscana.it/?canale=24003&codice=24673

La regione Toscana ha proposto un modello di sostenibilità e di politica ambientale.
Materiale di riferimento per il "nostro" lavoro. Date un'occhiata... al futuro (e scaricate la versione in formato PDF) !

mercoledì 14 novembre 2007

Salute! Di più... per tutti.

da Doctornews

Primo piano

834 mln in più per Lea. FSN a 101 MLD
Cresce quota per ammodernare servizi e strutture, 3 MLD in più per edilizia"Il Servizio sanitario nazionale esce ulteriormente rafforzato dopo il dibattito e il voto del Senato sulla Finanziaria". Lo afferma il ministro della Salute Livia Turco, commentando l'approvazione in Aula al Senato della parte riguardante la sanità della manovra 2008. "Con lo stanziamento di 834 milioni di euro, a copertura della decisione di abolire anche per il 2008 il ticket di 10 euro delle ricette per le prestazioni specialistiche e diagnostiche - fa notare il ministro in una nota - abbiamo infatti ulteriormente innalzato la copertura finanziaria per i livelli essenziali di assistenza. Il fondo sanitario raggiunge così la cifra di 101,457 miliardi di euro per il 2008". "Il Senato - prosegue Turco - ha poi confermato l'incremento di 3 miliardi di euro per l'ammodernamento delle strutture sanitarie, la costruzione di nuovi ospedali e servizi territoriali, il rinnovo delle tecnologie mediche, la messa in sicurezza delle strutture, la realizzazione di residenze sanitarie per gli anziani e il potenziamento della rete per le cure palliative e degli ospedali senza dolore. Rispetto al 2006 - aggiunge la responsabile della Sanità italiana - grazie alla Finanziaria 2007 e a quella che ci accingiamo ad approvare quest'anno la sanità pubblica ha visto un incremento straordinario delle risorse con un aumento complessivo, rispetto all'ultimo anno di governo del centro destra, di ben 10 miliardi e 434 milioni di euro per i livelli di assistenza ai cittadini e di 6 miliardi di euro per gli investimenti nell'edilizia sanitaria". "Confermato - spiega inoltre il ministro - anche lo stanziamento di ulteriori 200 milioni di euro che vanno ad aggiungersi ai 200 già previsti per la non autosufficienza, per un totale di 400 milioni di euro per il 2008". "Il dibattito al Senato - aggiunge Turco - ha consentito di fare un ulteriore significativo passo avanti per la tutela delle persone danneggiate da trasfusioni. Voglio infine ricordare, tra le misure previste dal Governo e approvate ieri dal Senato, lo stanziamento di ulteriori 30 milioni di euro per garantire la vaccinazione gratuita contro il Papillomavirus (HPV) responsabile del cancro alla cervice uterina. Grazie a questo ulteriore finanziamento - conclude il ministro - sarà infatti possibile garantire il vaccino anti-cancro in tutte le Regioni e per tutte le 250 mila ragazze italiane al compimento del dodicesimo anno di età".

La politica incontra il Web

Da un articolo di Repubblica.
Non è uno spot ad un leader politico, ma uno spunto di riflessione e di confronto con chi ha già percorso una strada "vincente", soprattutto per comunicare con i giovani.

COPENAGHEN - "Vuoi diventare mio amico?". Detto da un primo ministro, non si era mai sentito su Facebook. Finora riservato ai giovani, il social network è diventato terreno di caccia politica. Per le elezioni in Danimarca, il capo del governo Anders Fogh Rasmussen ha aperto il suo "wall", su cui ha messo foto, lista di interessi (jogging, canzoni di Springsteen, l'ultimo libro di Khaled Hosseini), facendo appunto "rete" con tanti ragazzi danesi, almemo 4.000 secondo l'ultimo conteggio, o scambiandosi "poke", pagine, contatti. Rasmussen, eletto premier nel 2001, a soli 48 anni, ha creato anche un profilo su MySpace e un blog. Infine, alla vigilia del voto, ha usato la piattaforma virtuale per convocare i suoi "amici" a fare jogging nel porto di Copenaghen, sette chilometri in compagnia di circa duecento ragazzi-supporter, sosta finale a mangiare kebab in un bar-shawarma, segno distensivo verso la comunità islamica. L'ultimo spot elettorale è stato ovviamente subito scaricato in foto su Flickr e in video su YouTube, accessibile dal suo sito ufficiale (www.andersfogh.dk). Se il Web 2.0 è il futuro, la classe politica danese è già un pezzo avanti rispetto agli altri paesi europei. L'esempio del premier della destra - riconfermato ieri per un altro mandato, con una coalizione allargata ai centristi - non è il solo nel piccolo regno nordico. Da segnalare anche il primo esempio di campagna elettorale unicamente sul web. Quella del deputato Bent Soelberg, che non ha investito una corona per spot, affissioni o spazi pubblicitari. Soelberg, 45 anni ed esperto di informatica alla Business School di Copenaghen, si è fatto campagna soltanto attraverso le varie comunità del Web 2.0. In Danimarca, l'80% delle famiglie ha una connessione a Internet (il 100% nei redditi medio-alti). "A parte i soldi, ho economizzato molto tempo" racconta il parlamentare liberale. "Sul Web 2.0 i contatti sono sempre 'utili', sono tutti potenziali elettori".

martedì 13 novembre 2007

Il mensile "Incontro" parla di noi...

Nel mensile Incontro del corrente mese, la seconda pagina e' tutta dedicata al nostro Blog e quindi alla comunicazione via rete.
Ringrazio fin da adesso la gentilissima redazione che ha pubblicato l'articolo e quindi ha ben pubblicizzato il nostro spazio virtuale...
Cari lettori di Incontro vi aspettiamo numerosi e mi raccomando se avete qualche articolo o notizia da pubblicare non esitate a contattarmi.
Il Blog e' a vostra disposizione!




sabato 10 novembre 2007

Tagli? Esenzioni? ...Facciamo chiarezza ! !

Alcune precisazioni sul tema tagli-costi-ticket che riguarda un'ambito molto "caro"... le nostre tasche.
La tassa sul metano (dicono 150 milioni di euro) è stata tolta nel 2002, peraltro in cambio di un maggior introito conseguente all’aumento di un punto percentuale di Irap sulle imprese finanziarie. Quindi la manovra regionale 2008, se i numeri saranno confermati, non sarà di 400 milioni come dice la Giunta regionale, ma di 250, e il conto è comunque sicuramente in eccesso. Per le visite specialistiche oggi si paga in Lombardia un ticket di 46 euro, di 36 in tutto il resto d’Italia. È l’effetto di un ticket regionale di dieci euro che la Giunta lombarda ha introdotto nel 2003 e che toglierà a partire dal prossimo mese. I lombardi sono stati perciò penalizzati per quattro anni.
Quanto all’addizionale Regionale Irpef, in Italia ci sono sei regioni, più le due province autonome, che non la applicano, e ci sono regioni come il vicino Veneto che esentano tutti i cittadini che non superano i 28mila euro di reddito. Il doppio rispetto alla Lombardia. Chiedere uno sforzo in più non è demagogia, è puro realismo. Occorre esentare i redditi almeno fino a 1.200 euro mensili, non agli attuali 800.
La realtà è che la Giunta Formigoni ha applicato un’imposizione fiscale più pesante di quanto abbia fatto ogni altra regione d’Italia. Quanto ai presunti minori trasferimenti da parte del Governo, diciamo semplicemente che ad oggi la Regione Lombardia ha ricevuto per la sanità 800 milioni di euro in più rispetto al 2006 (ultima finanziaria Berlusconi). Nonostante ciò, in Lombardia, rimane in vigore un ticket per le prestazioni di Pronto soccorso (codici bianchi) superiore a quello previsto dalla Finanziaria ed a quelli in vigore nelle altre regioni.
Ma ci sono altre differenze: ad esempio, per le prestazioni di diagnostica strumentale e specialistica ambulatoriale l’importo massimo è stato fissato a 46 euro per ricetta (era 36,15), a partire dal 10 marzo 2003. Con la Delibera n. 3776 del 13.12.2006 la giunta regionale ha inoltre elevato le tariffe relative alla prima visita specialistica ed alla visita di controllo, portandole rispettivamente a 23 euro (era 16,53) ed a 19 (era 12,91); ad esse, come a tutti i ticket per le prestazioni specialistiche ambulatoriali, per decisione della Giunta si è aggiunto anche il ticket di 10 euro per ogni ricetta previsto dalla Legge Finanziaria, che ha portato l’importo massimo al livello record di 56 euro, in assoluto il più elevato a livello nazionale. È anche per questo che la Giunta lombarda ha potuto varare questa parziale riduzione fiscale.


-->

venerdì 9 novembre 2007

La famiglia e l'ipocrisia della destra...

Carissimi lettori del blog e amici del PD e' veramente divertente constatare che nel club dei grandi difensori ipocriti della famiglia sia potuto entrare a far parte un uomo che dell'etica destroida e della compostezza marziale ha fatto la sua bandiera ossia il sempre "Vice di tutti" Gianfranco Fini...
L'eterna promessa della politica oramai arrivato a superare la barriera dei 50 anni, ha mostrato all'intero mondo politico la sua grande virilità fecondando con autorità una gran gnoccolona battezzata col nome di Elisabetta...
Beh che dire..dopo la separazione consensuale con la sua ex moglie, il buon Gianfranco non ha perso tempo....del resto era molto preoccupato che il suo cognome potesse essere assimilato ad una famosissima marca di "PISELLINI"...
Cari miei, il Gianfranco ci ha dato proprio dentro..altro che pisellino!!!!
I suoi predecessori ossia il buon Silvio da Arcore, l'Umberto regionalpopolare, l'eterno giovane Pier Ferdinando e tutto lo staff dei pascolatori di donne dell'UDC capitanata dall'onorevole Mele lo accoglieranno calorosamente nel loro Club.
Buon divertimento!!

mercoledì 7 novembre 2007

Il Centrosinistra boccia i pessimi lavori di Via Cusani...Ora pero' sarà la nostra bella Villa Cusani a farne le spese?



Come ben riportato dal Giornale di Carate, tutta la coalizione di centrosinistra ha dato un voto estremamente negativo ai lavori di riqualificazione della piu' importante via caratese...
Cittadini, commercianti sono ogni giorno alle prese con i continui sconvolgimenti viabilistici che l'opera appena terminata sta causando.
Beh che si deve fare...la maggioranza continua a sostenere la magnificità dell'opera non preoccupandosi del basso giudizio.
Ora la magnifica operosità di questa giunta comunale si abbatterà su una delle ville che piu' rappresentano la nostra cittadina ossia Villa Cusani....

Metropolitane...vicino a noi.

Dal blog di Pippo Civati, il "nostro" consigliere regionale, fonte quotidiana di informazioni utili e ben analizzate.
Meno male che nessuno l’ha ascoltato, infatti, a Monza-Bettola arriva la M1. Marco Mariani, appena nominato sindaco, aveva tuonato: non serve a niente la metropolitana rossa. Regione e Governo hanno invece firmato: la rossa arriva al confine meridionale della città, la verde fino a Vimercate e nel prossimo futuro analogo impegno verrà preso per la Milano Niguarda-Desio-Seregno. Chi ci mette i soldi? Il governo Prodi, of course, dopo gli anni di promesse mai realizzate del governo precedente. Con Prodi si fanno le infrastrutture che Berlusconi disegnava con il pennarello, quasi che il loro destino fosse proprio quello di rimanere sulla carta.

Accanto a chi dibatte per edilizia scriteriata e servizi fantasma, qualcuno ha promosso un'infrastruttura che sostiene la sempre maggiore domanda di trasporti dell'hinterland milanese e ormai "monzese". Uno spunto: non dimentichiamo i parcheggi.




lunedì 5 novembre 2007

Mariani rovescia la storia...e la memoria.


Marco Mariani, sindaco di Monza, secondo un programma consolidato ed ufficialmente confermato delle celebrazioni del 4 novembre, questa mattina, in cimitero, ha deposto una corona al monumento ai caduti di tutte le guerre ed un'altra al monumento ai caduti per la Resistenza. Fascia tricolore, vicesindaco, gonfalone della Città, vigili urbani, ufficiali, carabinieri, associazioni d'Arma, ANPI, ANED, ANEI con i loro labari ed altri ancora. Squilli di tromba, at-tenti, deposizione della corona, ri-poso: il cerimoniale solito ma pur sempre importante.Poi, assolutamente non previsto dal programma della cerimonia consegnato alle associazioni, tutto il corteo, su iniziativa dell'associazione paracadutisti ma sindaco in testa, si è recato alla tomba di un gerarca fascista di un certo rilievo dove i paracadutisti hanno deposto una corona. Aldo Tarabella infatti fu console della Milizia e guidò addirittura un gruppo di consoli che nel dicembre 1924 si recarono da Mussolini redarguendolo in quanto lo consideravano troppo molle, pluridecorato della Grande Guerra divenne poi generale delle camicie nere e morì nel 1930 in un incidente aviatorio.Il suo monumento funebre lo rappresenta in divisa da camicia nera, appoggiato su un alto fascio littorio che schiaccia la testa di un serpente.
Complimenti, bella iniziativa. Siamo o non siamo in pieno REVISIONISMO STORICO?? Un invito ai nostri maestri di scuola, che insegnino sempre ai piccoli quale è stata VERAMENTE la Storia del Primo 900.

L'Esagono parla del Centrosinistra...


La giornata del 4 novembre oltre a celebrare l'Unita' d'Italia e' stata spesa da tutto il gruppo del Centrosinistra caratese per svelare alla popolazione caratese il progetto della giunta comunale... zitti zitti... preparano tante altre belle colate di cemento!

venerdì 2 novembre 2007

Volantino contro il progetto della giunta inerente ad AGLIATE

UNA VARIANTE OGGI, UNA VARIANTE DOMANI…
QUALE TERRITORIO TROVERANNO I NOSTRI FIGLI?

Le parole del candidato Sindaco Pipino (dal programma elettorale):

“Il rispetto del territorio e dell’ambiente rappresenta sicuramente uno degli obiettivi primari del programma amministrativo…”
“Il principio cardine del programma consisterà nella tutela del patrimonio storico, culturale e paesaggistico di Carate…”

I fatti della Giunta Pipino:

- il 23/07 la Giunta approva un piano di indirizzo (PII) per l’area Pozzi ad Agliate, che prevede la costruzione di oltre 12.000mq di palazzine residenziali “di pregio”, corrispondenti a circa 100 appartamenti in variante al Piano Regolatore vigente. Su un progetto con ricadute così rilevanti per la popolazione non si è sentita l’esigenza di aprire un dibattito pubblico prima di prendere posizione.
- l’8/11 all’OdG del consiglio comunale figura l’approvazione di una variante al Piano Regolatore vigente che modifica un’area rurale in via S. Salvatore in zona industriale, e consente la costruzione di un capannone industriale per una superficie coperta di circa 7.000 mq.

Perché la giunta Pipino procede a colpi di variante al Piano Regolatore vigente, senza avviare un ampio dibattito sulle scelte urbanistiche? Perché non aspettare che si compia finalmente l’iter partecipato del nuovo Piano di Governo del Territorio prima di compiere scelte che non permetteranno ripensamenti? Quante altre sorprese tiene nel cassetto il Sindaco per la “Carate dei nostri sogni”? Quando finalmente i cittadini potranno prendere parola in una discussione aperta sulla gestione del territorio, come previsto dalla normativa vigente?

Sull’area Pozzi, comunque, dalle pagine del Giornale di Carate l’Assessore alla partita Sandro Sisler rassicura: “In ogni caso il PII sarà illustrato a Caratesi e Agliatesi quando sarà definito”. Appunto. Se sarà definito a cosa servirà illustrarlo?

Chiediamo alla Giunta e al Consiglio Comunale di non approvare varianti che stravolgono e non tutelano l’assetto del territorio fino alla definizione secondo le procedure partecipate previste dalla Legge del nuovo Piano di Governo del Territorio.

Il Coordinamento del Centrosinistra





mercoledì 31 ottobre 2007

Possibile aumento dell'irpef comunale di Carate

Stando alle ultime news dal fronte comunale, l'aliquota IRPEF dal prossimo anno rischierebbe di innalzarsi dall'attuale 0,6 allo 0,9 a causa del mancato rispetto dei parametri fissati dalla finanziaria 2007.
Un'altra brutta tegola per questa giunta incapace anche di gestire il bilancio e le risorse finanziarie del nostro comune.

Il signore dei (tr)anelli...e le primarie fantasma


Regia di R.Formigoni.

Trama del film: uno dei maggiori concorrenti politici ha un successo incredibile grazie alle Primarie, esempio di democrazia. Quindi per par condicio, Egli invoca un sondaggio on-line per scegliere i "manager" delle Aziende Ospedaliere, convinto della bontà della partecipazione 'dal basso'. La commedia sta nel fatto che la gente non ha la più pallida idea di chi siano questi 520 candidati, nè del loro curriculum, delle loro esperienze e dei loro risultati: non dubito però che la volontà popolare si possa esprimere, è sufficiente un'implicita direttiva. In ogni caso, come dice lo stesso assessore di FI, il Presidente sceglierà il meglio, soprattutto tra coloro che ne condividono l'appartenenza politica.. e dove sta la novità? Ah dimenticavo, chi decidesse di mandare un'e-mail, faccia attenzione a firmarsi per esteso, il suo nominativo sarà preso in considerazione per eventuali iniziative post-nomina (e non so se è un bene....)





una premonizione?


Evidentemente i famigerati rincari di generi di prima necessità hanno "toccato" anche le più alte personalità dello Stato. Giusto ieri postavo il mio commento sul rapporto euro-potere d'acquisto e la scelta sciagurata di categorie e corporazioni, di aumentare prezzi gravando sul consumatore. Il perchè ce lo spiega (meglio) il Presidente della Repubblica. Leggete l'articolo.

lunedì 29 ottobre 2007

Il costo degli asili comunali? bohh


Nell'edizione del Lunedi' il giornale L'Esagono mette in evidenza la mancanza di trasparenza da parte della giunta comunale...
Dategli una lettura!

Rincari: Prodi presenta il conto....degli altri!

Passando il weekend in giro ho avuto modo di imbattermi in un manifesto di FI che recitava: "rincari? dopo le ferie, Prodi presenta il conto", continuando con numeri e percentuali di fonte certa (Repubblica).
Purtroppo non ho più il numero in cui questi "conti" sono stati pubblicati ma propongo questa riflessione. Berlusconi in tempi pre-Euro ha commentato con entusiasmo l'ingresso della moneta unica, ed ha avuto l'onore (purtroppo) di essere il Premier, quando la Lira è stata sostituita dall'Euro (non Prodi quindi). Lo stesso Bossi era favorevole, in linea di massima.
Oggi le famiglie perdono potere d'acquisto, mentre negli ultimi anni molte categorie del commerciale hanno gestito il passaggio produttore-consumatore nella totale libertà, configurando la forbice enorme che penalizza soprattutto il consumatore ed approfittandosi del produttore, al quale sono state lasciate le briciole. Chi è il responsabile della situazione attuale dunque? I rincari folli dei primi 5 anni di Euro sono stati favoriti dal governo di centrodestra che non ha effettuato la minima sorveglianza, salvo poi accusare l'attuale Governo di favorire l'aumento dei prezzi (comunque minore in % di quelli dei precedenti 5 anni) e Prodi di aver commesso un errore nel cambio Lira/Euro.
Oggi pasta e pane costano di più, e sono beni di prima necessità: le famiglie stanno già riducendo il loro consumo, e la cosa è tutt'altro che priva di conseguenze.

domenica 28 ottobre 2007

Bamboccioni (e non)...unitevi ! !

Dalla Prefazione:
[L'Italia è certo il paese più protettivo nei confronti dei Suoi figli. Una società in cui il sostegno della famiglia ai giovani è più diffuso e i figli lasciano la propria casa più tardi. Eppure, questo stesso paese, sta agendo più degli altri "contro i giovani"
In poco più di 10 anni abbiamo raddoppiato il nostro debito pubblico e promesso pensioni anche generose, nonostante il calo della natalità e l'allungamento della vita. Su ogni giovane italiano gravano 80.000 euro di debito pubblico e 250.000 di debito pensionistico. Lo abbiamo fatto non per costruire infrastrutture, migliorare la qualità di vita nelle grandi città, l'istruzione ...ma per pagare pensioni di invalidità talora di dubbia assegnazione, creare posti pubblici spesso inefficienti, concedere baby pensioni, cedere alle pressioni di rappresentanza di interessi specifici e di categoria (di breve respiro). La soluzione c'è ma dipende dal coraggio, il coraggio dei quarantenni, della generazione "di mezzo".]
Anch'io ne sono convinto. Soprattutto dopo aver iniziato la lettura di "CONTRO I GIOVANI" di Tito Boeri e Vincenzo Galasso - Mondadori Ed.
Un in bocca al lupo ai quarantenni di oggi e a quelli di domani (soprattutto....)






venerdì 26 ottobre 2007

Gli stipendi italiani vanno a picco

Finalmente anche il Governatore della Banca d'Italia si e'espresso sulla difficoltà di tanti italiani ad arrivare alla fine del mese...
Gli stipendi da 10 anni a questa parte sono stati erosi da una inflazione molto piu' alta di quella realmente rilevata...
La concertazione che negli anni 90 doveva essere la panacea di tutti i mali e' stata mal utilizzata sia dalla parte datoriale che dall'incompetenza di molti pseudo sindacalisti.
Bisogna che il nostro Governo inizi con una sana politica dei redditi affinche' la situazione non diventi irrecuperabile.
I giovani d'oggi sono il vero dramma italiano..Stipendi bassi e precarietà la fanno da padrone...
Questo non e' uno sfogo o un discorso fatto da un'estremista ma anzi e' il frutto di politiche scellerate portate avanti in tutti questi anni.
Ci vuole un cambio di rotta o le nuove generazioni avranno un futuro a tempo determinato

giovedì 25 ottobre 2007

Pipino e i suoi cantieri...


Sul settimanale "L'Esagono viene riportato il piano 2008/10 inerente ai numerosi cantieri prossimi all'apertura...
Una domanda e' lecita:
Ma i 7,5 milioni preannunciati da quali manovre arriveranno?
E poi, visti i vari lavori di manutenzione all'interno del nostro territorio sempre approvati dalla giunta Pipino in questi 3 anni, non e' che ci ritroveremo ad affrontare nuovi e antipaticissimi disagi?

mercoledì 24 ottobre 2007

Palliative solo per il 30 per cento...ma Hospice in crescita.

L'Italia è uno degli ultimi paesi, tra quelli avanzati, per utilizzo di oppioidi (morfina e derivati). Il falso mito che associa il termine "morfina" a quello di "morte" ha per lungo tempo condizionato familiari ed operatori sanitari, e penalizzato i pazienti con il sintomo peggiore (ma anche meno rilevato e trattato), cioè il dolore. Il concetto di "buona morte" è ancora lontano dalla coscienza comune, nonostante la progressiva diffusione delle Cure Palliative, anche in Italia. Il Governo di CentroSinistra ha avuto, in questa e nella passata legislatura, un'attenzione particolare e ha messo in campo risorse che non sempre le Regioni hanno utilizzato per fini appropriati. Uno dei limiti della devolution a mio avviso, che non permetterà di uniformare prestazioni e servizi. Io credo che in materia di Salute (più che in altre) sia necessario uno standard qualitativo alto ed omogeneo sul territorio. Seguono gli ultimi dati disponibili da DoctorNews:

Hospice in crescitaOggi sono 114 gli hospice attivi nel nostro Paese, un bel salto in avanti rispetto ai 20 del 2002. E negli ultimi anni le cose si stanno muovendo: entro il 2008 sarà operativo circa il 50 per cento dei centri per le cure palliative finanziati in Italia, concentrati soprattutto al nord e al centro. A 'fotografare' la realtà delle strutture destinate ad assistere e accompagnare i 250 mila nuovi malati terminali italiani l'anno è il volume 'Gli hospice in Italia: prima rilevazione ufficiale', che sarà presentato a Perugia dal 13 al 16 novembre, in occasione del XIV Congresso Sicp (Società italiana di cure palliative). Il volume è stato realizzato da Sicp, Fondazione Isabella Seragnoli e Fondazione Floriani, con i ricercatori Nomisma Terzo Settore e il supporto del ministero della Salute. "Secondo i nostri dati a fine 2006 i centri erano 105, mentre entro il 2012 apriranno i battenti ben 243 strutture nel nostro Paese - spiega Furio Zucco, presidente Sicp e direttore dell'Unità cure palliative dell'azienda ospedaliera Salvini di Garbagnate (Milano), anticipando i dati in un incontro ieri a Milano - Numeri alla mano il bicchiere è mezzo pieno, visto anche il rinnovato interesse su questi temi, ma c'è ancora molto da fare. E soprattutto la realtà italiana avanza a tre velocità". L'esperto punta il dito sulla "lentezza dovuta alle difficoltà regionali nel reperimento delle risorse gestionali", in particolare per il personale. "Eppure la legge 39 del 1999 ha messo a disposizione delle Regioni circa 206 milioni di euro per realizzare 188 hospice, e l'ultima Finanziaria ha aggiunto altri 100 milioni di euro per il completamento della rete dei centri. Fondi a oggi inutilizzati". Guardando alla penisola, i centri sono concentrati soprattutto al Nord, "con tre regioni in cima alla classifica: Emilia Romagna, Lombardia e Veneto. Il Lazio è in una posizione medio alta, grazie soprattutto al privato - dice l'esperto - mentre il sud è penalizzato: in Sicilia c'è un centro, in Sardegna ancora nessuno e la Campania è fanalino di coda".

Sicp, oppiacei ancora al palo, accelerare abolizione ricettario specialeSono circa 250 mila ogni anno i malati terminali in Italia, di cui 160 mila colpiti da una forma di cancro. "Solo il 30 per cento, però, è seguito da una rete di cure palliative", ricorda Furio Zucco, presidente della Sicp (Società italiana cure palliative) e direttore dell'Unità Cure palliative dell'azienda ospedaliera Salvini di Garbagnate (Milano), intervenuto ieri a Milano alla presentazione del XIV Congresso nazionale Sicp (Perugia 13-16 novembre). Secondo Zucco, per rispondere alle necessità di questi pazienti e delle loro famiglie, "cioè circa un milione di persone ogni anno, è fondamentale potenziare l'assistenza domiciliare nel nostro Paese". Ma anche far progredire la terapia del dolore. "Meno del 40 per cento delle regioni ha sviluppato l'ospedale senza dolore. E l'uso di oppiacei per 'spegnere' la sofferenza inutile è ancora al palo". Su questo fronte, la penisola resta infatti fanalino di coda in Europa. Nella loro battaglia contro il dolore, gli esperti spingono per l'attesa abolizione del ricettario speciale per gli oppiacei. "Un ostacolo burocratico potente - ricorda Francesca Crippa Floriani, presidente della Federazione cure palliative - che impedisce l'accesso alla terapia del dolore". Una sollecitazione raccolta dal ministro della salute, Livia Turco, già un anno fa, con un ddl apposito. Da poco è arrivato il 'disco verde' della Commissione Igiene e sanità del Senato, e ora il ddl dovrà essere inserito nel programma di dibattito parlamentare. Gli specialisti intervenuti si augurano, a questo punto, che si arrivi al più presto alla sua approvazione.

martedì 23 ottobre 2007

La Mafia e' la prima azienda italiana...


Il fatturato della Mafia ha raggiunto stando a degli studi di Confesercenti la bellezza di 90 miliardi di Euro. Una cifra pazzesca!!
Ma non bisogna stupirsi se nel nostro paese il fenomeno Mafia e' arrivato a dei livelli piu' che allarmanti; basti pensare alla politica nostrana dove la compravendita di senatori e' stata aperta di gran carriera dallo psiconano di Arcore e dove personaggi oscuri come Toto' Cuffaro possano risiedere sulla poltrona di Governatore della Regione Sicilia attraverso ahime' il voto popolare...
Ragazzi siamo quasi allo sfascio.
Sembrerebbe una sceneggiatura da film anni 70/80 ma tutto cio' sta accadendo per davvero...
Ragazzi il cinema e' bello ma a tutt'oggi come s'intitolava un bel film con Benigni e Troisi, NON CI RESTA CHE PIANGERE!!
Ci vuole un vero e radicale cambiamento Copernicano della nostra cultura!!






lunedì 22 ottobre 2007

Un caldo benvenuto a un nuovo blog caratese

Con l'articolo AGLIATE LA FUTURA METROPOLI dedicato alla lottizzazione Pozzi ha iniziato le pubblicazioni anche Egypt Blog, che si propone di diventare "l'anello mancante di discussione tra la giunta comunale e NOI CITTADINI".
I nostri lettori credo troveranno interessante anche questa proposta che contribuisce alla circolazione di idee sula nostra Carate e si può trovare al seguente link:
http://www.marcocasatelli.it/dblog/articolo.asp?articolo=3

Per parte mia, formulo ai nuovi blogger i migliori auguri per il successo del loro programma. Temo che non sarà facile conseguirlo perchè, come ricorda il proverbio, "non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire". Ma è giusto almeno provare ad alzare la voce.

Penati: piu' dibattito sul futuro del PD


Riporto qui a fianco l'articolo tratto dalle pagine milanesi del Corriere della Sera

A Carate è sempre emergenza strade..


Sul bisettimanale L'Esagono viene riportata la scadente manutenzione stradale...
Dopo le crepe sulla nuova pista ciclabile in Viale Brianza ora ci tocca constatare la pericolosità dei dossi posti a Costa Lambro...

sabato 20 ottobre 2007

Ecoallarme nell'Hinterland di Milano...



Su Repubblica di oggi vi e' una ricerca sullo sfruttamento del territorio..
I risultati sono molto preoccupanti ossia la zona nord di Milano tra cui comprende importanti comuni come Seregno, Desio, Cesano Maderno e la nostra stessa Carate e' una zona ad alta cementificazione...
In una delle due immagini allegate al post potrete verificare i dati rilevati da questa ricerca..
Carate ha una percentuale di cementificazione leggermente migliore rispetto ad alcuni comuni confinanti...
E' chiaro che se nella nostra amministrazione comunale prevarrà il partito della cementificazione, la conseguenza sarà negativa a livello di qualità della vita..
Ad Agliate già ci stanno provando...
Il PD caratese e l'opposizione comunale non devono stare a guardare..

venerdì 19 ottobre 2007

Il liberismo è di sinistra?

Il merito, non il censo.
Il libero mercato, non le lobby.
I diritti del cittadino, non lo spreco di denaro pubblico.
Senza meritocrazia le professioni si tramandano ai figli come i titoli nobiliari, senza concorenza il consumatore è ricattato dai grandi monopoli.
Senza controlli i "fannulloni" continuano a gravare sulle tasche dei contribuenti.

Sono alcuni dei contenuti del libro di Alberto Alesina (professore di econimia politica ad Harvard) e Francesco Giavazzi (professore di economia politica al MIT di Boston).
Un testo che fa riflettere.

Da blog......a blog!

...parimenti tratto dal blog di Pippo Civati, mi sembra un argomento interessante.

Legge elettorale: la Lombardia non vuole cambiarlaVi ricordate che Formigoni aveva firmato in pompa magna il referendum elettorale, giusto giusto negli ultimi giorni della campagna di raccolta delle firme, quando ormai si sapeva che si sarebbe raggiunto il quorum? E' notizia di oggi che Forza Italia, nella seduta della commissione Affari istituzionali, ha bocciato il progetto di legge di sostegno al referendum, nelle modalità previste dalla Costituzione. Quando si dice la coerenza. Qui di seguito il nostro comunicato stampa:Con i voti contrari di Forza Italia, Lega e Rifondazione Comunista la commissione affari istituzionali del Consiglio regionale ha bocciato l’adesione della Regione Lombardia alla richiesta di referendum di riforma della legge elettorale. La proposta era stata avanzata dai consiglieri Stefano Zamponi (IDV), Giuseppe Civati (Ulivo) e Silvia Ferretto Clementi (AN) e faceva riferimento all’articolo 75 della Costituzione, secondo cui un referendum può essere indetto su richiesta di cinquecentomila cittadini o di cinque Consigli regionali che si esprimono in tal senso. Le firme raccolte tra i cittadini sono ora al vaglio della Cassazione, ma l’adesione del Consiglio regionale della Lombardia avrebbe costituito un segnale importante. «Il referendum serve a cambiare una legge elettorale che ormai tutti ritengono sbagliata – contesta Civati -, ma il voto di oggi, al di là degli effetti immediati, dimostra chiaramente che c’è chi vuole cambiarla e chi invece non ha intenzione di farlo. Ed è singolare che tra questi ci sia il partito del presidente Formigoni, che è tra i sostenitori del referendum».


-->

giovedì 18 ottobre 2007

Ottima proposta di Mirabelli....


La proposta di Mirabelli segue la lunga scia positiva della nascita del nuovo soggetto politico ossia quella di scegliere il futuro segretario del PD milanese tra i nuovi volti ossia dare freschezza e cambiamento e una giusta risposta ai cittadini...
Insomma anche per l'elezione degli apparati di partito bisogna avere una certa disconitnuità..
Leggete l'intervista tratta da Repubblica

mercoledì 17 ottobre 2007

Notizie locali tratte dal Giornale di Carate...



Sempre qui a fianco inserisco alcune immagini e articoli inerenti alla giornata elettorale...
Da notare 3 foto inerenti alla giornata trascorsa presso il seggio di Carate Brianza...Alcuni di noi come il sottoscritto in camicia arancione, il buon Zaccheo Moscheni in compagnia del comico di Zelig Alberto Patrucco, Donato Cazzaniga con i suoi baffetti, Marco Gambirasio che ci osserva dall'alto, la Presidentessa del seggio Federica Baio, l'instancabile Giordano Giussani e per terminare il nostro Coordinatore Francesco Paoletti immortalato mentre gira la sua testa verso il fotografo sono presenti nello speciale dedicato alla giornata del 14 Ottobre.





lunedì 15 ottobre 2007

Un compleanno...particolare!

Non potevo chiedere un regalo migliore.
La domenica al seggio, la collaborazione di tutti alla promozione e la realizzazione dell'evento/primarie, la partecipazione della gente, i risultati comunali e nazionali (sbirciati alle 23.30 dopo una breve festicciola)... ho avuto molto di più di quello che mi aspettavo.
Che dire... eppur si muove ! La macchina della democrazia, intendo.
Su questo non abbiamo bisogno di lezioni da nessuno, tantomeno da questa destra che alle politiche pur di vincere paga gli elettori e/o fa fotografare col cellulare i votanti nella cabina per istruire gli altri in attesa di voto.
Partiamo col piede giusto, insomma, e adesso viene il bello. La partita è lunga e, parafrasando il coordinatore del comitato PD (in fase di scioglimento, come stabilito all'inizio) "siamo qui per vincere la Maratona, non i 100 metri!".
Bisogna crederci, e giocarcela fino in fondo questa occasione. Per essere forti, dobbiamo innanzitutto essere tanti, ma attenzione, non voglio dire di pescare random nel mucchio. Dobbiamo dare regole e valori, idee e progetti, per richiamare chi li condivide. E metterci a parlare tutti la stessa lingua, quella del lavoro, della sicurezza, della salute, dell'ambiente.
TUTTI gli interessati, soprattutto i giovani come me, sono benvenuti per contribuire alla realizzazione del progetto-partito-democratico e rispondere contemporaneamente alla politica ed all'antipolitica.
Vi aspettiamo, a Carate come altrove.
Marco

Risultati di Carate Brianza..

Votanti 537
Schede valide 528
Schede bianche/nulle 9

ASSEMBLEA NAZIONALE
Lista Per Veltroni 143 voti 27,1%
Lista Con Veltroni 100 voti 18,9%
Lista Dem. Letta 149 voti 28,2%
Lista Rosy Bindi 136 voti 25,8%


ASSEMBLEA REGIONALE(Lombardia)
Votanti 537
Schede valide 524
Schede bianche/nulle 13

Lista Dem. lombardi con Martina 230 voti 43,9%
Lista Con Martina innov. sinistra 127 voti 24,2%
Lista Sarfatti 167 voti 31,9%

venerdì 12 ottobre 2007

Partito Democratico Caratese....una grande unione di persone che proiettano il loro sguardo verso il futuro del proprio paese..


Vi allego il volantino inerente al PD di Carate Brianza nel quale potrete leggere tutte le indicazioni per il voto di Domenica 14 Ottobre 2007...
Ancora 2 giorni e finalmente il PD sarà una realtà!

Come vincere a Carate?

Archivio blog